domenica , 25 Settembre 2022

Le spese sanitarie degli italiani, nel 2020 più di 16 miliardi di euro

“Dall’analisi dei dati raccolti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze sulle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2021 e relativi all’anno d’imposta 2020, il numero dei beneficiari della detrazione per le spese sanitarie ha superato i 18milioni di contribuenti, 18.380.259 per l’esattezza, mentre la somma complessiva delle spese sanitarie sostenute, incluse quelle per i portatori di handicap e per l’acquisto di cani guida, ha oltrepassato nella stessa annualità di riferimento i 16 miliardi di euro, fermandosi a 16.764.760 euro”.

Sono i dati che riporta FiscoOggi, il giornale on line dell’Agenzia delle Entrate. “Come chiarito e illustrato dal Mef – si legge in un articolo – entrambi i dati, il numero dei beneficiari e la spesa sanitaria totale, sono in calo rispetto a quanto riportato dai contribuenti nelle dichiarazioni dei redditi precedenti, ovvero quelle del 2020 sull’anno d’imposta 2019. In quell’anno infatti, il 2019, la spesa totale era stata pari a 20.087.573 euro, all’incirca 3,3 miliardi in più rispetto al 2020, mentre il numero delle persone aventi diritto alla detrazione del 19% per le spese sanitarie sostenute era di 19.436.113 euro, in pratica 2,7 milioni in più rispetto alla platea dei beneficiari 2020”.

“La spesa media pro-capite detraibile – spiega FiscoOggi – a livello nazionale è stata di 910 euro. Questo il dato medio di riferimento. Se invece spostiamo il nostro punto d’osservazione su base regionale si va dai residenti della Basilicata e del Molise, con spese pro-capite detraibili di 670 e 690 euro rispettivamente, al picco dei lombardi, la cui spesa sanitaria pro-capite detraibile è di 1.060 euro, seguiti dai residenti della Provincia di Bolzano, 1.030 euro pro-capite, e dai cittadini del Lazio, con una spesa agevolabile di 1.020  euro. Nel mezzo un ampio spettro altrettanto differenziato, che vede la Sardegna, dove la spesa sanitaria pro-capite risulta pari a 800 euro, svettare tra le regioni del Meridione”.

FiscoOggi stila, infine, un elenco delle spese sanitarie detraibili.

Eccole:

  • prestazioni rese da un medico generico (incluse quelle per visite e cure di medicina omeopatica)
  • acquisto di medicinali (anche omeopatici) da banco e con ricetta medica
  • prestazioni specialistiche
  • analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, terapie
  • prestazioni chirurgiche
  • ricoveri per degenze o collegati a interventi chirurgici
  • trapianto di organi
  • cure termali (escluse le spese di viaggio e soggiorno)
  • acquisto o affitto di dispositivi medici e attrezzature sanitarie (comprese le protesi sanitarie).

Inoltre, sono detraibili, nella stessa misura del 19%, le seguenti spese di assistenza specifica:

  • assistenza infermieristica e riabilitativa (per esempio, fisioterapia, kinesiterapia, laserterapia, eccetera)
  • prestazioni rese da personale in possesso della qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all’assistenza diretta della persona;
  • prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;
  • prestazioni rese da personale con la qualifica di educatore professionale.
  • prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e di terapia occupazionale.

“Tutte queste spese – conclude il giornale on line delle Entrate – possono essere indicate nella dichiarazione dei redditi per l’importo eccedente 129,11 euro. Se sono state sostenute nell’ambito del Servizio sanitario nazionale la detrazione spetta per l’importo del ticket pagato”.

Scroll To Top

-Secure checked 2019-